Acquascaping: che cos’è ?

Innanzitutto, che cos’è l’acquascaping?

L’Aquascaping è l’arte di creare o arredare il proprio acquario con ambientazioni suggestive, di grandissimo impatto scenico agli occhi di chi lo guarda.

L’Aquascaping è organizzare piante rigogliose, nonché rocce, pietre, cavità o legni, in un modo esteticamente piacevole all’interno di un acquario cercando di ricreare paesaggi naturali, terrestri o acquatici.

I design comprendono una serie di stili diversi, tra cui lo stile olandese simile a un giardino e lo stile naturale di ispirazione giapponese.

TUTTI I TIPI DI ACQUASCAPING:

  • Stile olandese
  • Stile Taiwanese
  • Stile Iwagumi
  • Stile Biotopo
  • Stile ”Jungle” o (giungla)
  • Stile Naturale
  • Stile secondo il metodo Walstad

LO STILE OLANDESE

Stile olandese

Lo stile olandese è caratterizzato da molteplici tipi diversi di piante con foglie dalle caratteristiche dissimili tra loro. È comunemente visto come un acquario a ”terrazzamenti” cioè caratterizzato da diversi strati immaginari formati dalle diverse altezze delle piante. Tali terrazzamenti sono conosciuti come le così dette ‘strade’ olandesi.

Il fondo è coperto da un tappetino di piccole piante, per poi passare a piante sempre più altre verso la zona retrostante dell’acquario. La cosa più evidente e caratteristica dello stile olandese è che di solito non ha un hardscape, cioè non si vedranno nessun tipo di ”caratteristica dura” come pietre o legni.

LO STILE TAIWANESE

Stile Taiwanese

Lo stile taiwanese non è più molto in uso, in alcune aree geografiche è oramai diventato “fuori moda” rispetto al successo dello stile Iwagumi o dello stile Naturale.

Tuttavia, è caratterizzato da uno sfondo non uniforme con piante di diverse altezze e da un fondo con profondità variabili. La sua caratteristica più strana sono piccoli oggetti in ceramica collocati nell’acquario per creare un senso di “vita realistica” come casette o persone.

STILE IWAGUMI

Stile Iwagumi

Lo stile iwagumi è uno degli stili di aquascaping più popolari di oggi. È stato inizialmente reso popolare dal padre del moderno Aquascaping, Takashi Amano, ed è caratterizzato da una serie di pietre naturali disposte secondo la ”Golden Ratio” anche detta ”Regola dei terzi” o ”Regola della piramide”

Ci dovrebbe sempre essere un numero dispari di pietre per evitare che il layout si “bilanci”, poiché l’occhio umano cerca sempre di vedere una “divisione” in layout bilanciati. Un layout non bilanciato da un senso di naturalezza di qualcosa che non sia stato progettato ma che sia lì per caso.

Ci sono almeno tre pietre: una più grande delle altre, detta pietra “Padre” e almeno due pietre secondarie. Ce ne possono essere di più, a condizione che il numero totale resti dispari.

Gli acquari secondo lo stile iwagumi seguono un ideale minimalista, imitando un paesaggio naturale, con un tema di comune semplicità e con ampi spazi aperti. Ci sono colori limitati nelle piante e nella pietra, e il numero di flora e fauna è ridotto al minimo proprio per creare il senso di minimalismo naturale.

La scala è molto importante in questo stile. Il substrato è usato per creare piccole colline e la pietra ”padre” dovrebbe essere l’oggetto più grande nell’acquario. Anche i pesci hanno un ruolo abbastanza rilevante, solitamente vengono scelti pesci ”nano” come i neon tetra o i rasbora, proprio per mantenere le scale create dal layout.

STILE BIOTOPO

Stile Biotopo

Lo stile del biotopo cerca di emulare perfettamente un ambiente naturale, comprese le condizioni dell’acqua, le specie di flora e fauna e persino l’hardscape come pietre o legni.

Questi paesaggi secondo questo stile sono, oltre a trasmettere senso di pace ai proprietari, utili per alcuni biologi per studiare ambienti acquatici che altrimenti sarebbero difficili da studiare in natura.

Stranamente, questi acquari sono in genere un po’ più facili da configurare e mantenere, dal momento che non c’è alcuna struttura o regola da seguire per determinare il layout e il tipo di flora e fauna da selezionare.

STILE ”JUNGLE” O (GIUNGLA)

STILE JUNGLE

Lo stile ”Giungla” è di per sé auto-esplicativo, già il nome stesso ci fa capire come questo stile cerchi di riprodurre un fogliame fitto come quello di una giungla. Questo stile è molto popolare ed è solitamente riprodotto in vasche di grandi dimensioni proprio per imitare in modo efficacie la scala completa dello stile.

STILE NATURALE

Stile Naturale

Lo stile naturale è quello più condiviso su internet e il principale vincitore di concorsi.

Per buone ragioni, credo da tutti condivise, questo acquario è proprio mozzafiato. Questo stile cerca di riprodurre paesaggi terrestri sia in modo ampio come colline, montagne, valli, sia in modo più dettagliato come la boscaglia vicino ai ruscelli.

Ecco qui tutti i prodotti di alta qualità ed economici per avere delle piante acquatiche rigogliose senza nessun impianto di Co2.

Successivo 10 COSE DA SAPERE PRIMA DI ACQUISTARE UN ACQUARIO